Che cosa succede quando si diagnostica un tumore?

 

Che cosa succede quando si diagnostica un tumore? E come viene diagnosticato?

Di solito ad un primo sospetto, posto da un sintomo del paziente o dalla risposta di un esame, seguono altri esami più mirati, dove l’equipe medica sceglie i prelievi sanguigni o le indagini strumentali (Rx, TAC etc) che riescono a studiare meglio l’organo interessato. A questi è quasi sempre necessario affiancare una citologia o una biopsia che verranno esaminati dall’anatomopatologo al microscopio. Questa prima parte è di solito coordinata da un chirurgo.

Nel caso di biopsia o citologia positiva, il chirurgo provvede ad ulteriore intervento demolitivo, se necessario, ed invia il paziente all’ematologo o oncologo.

Questi studia il paziente considerando l’età, le caratteristiche strutturali, le malattie già presenti e gli prospetta il piano di battaglia, a cui appartengono chemioterapia e radioterapia. In base alla neoplasia, possono essere necessarie altre terapie più specifiche.

Altra figura importante è quella del chirurgo plastico, che provvede ad interventi ricostruttivi come ad esempio quelli a carico del seno.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...